Buona estate con Gianni Rodari e PIANO BILL

Caravella sul mare

Verso nuovi mondi da costruire

Tra bilanci e progetti, fantasia e cultura musicale

Eccoci arrivati infine alla conclusione di questa stagione di attività 2016-2017.
PalinSesto sta imparando a crescere con la musica, per la musica, con la città e per la città di Sesto San Giovanni. Tempo di bilanci dunque … e di progetti.
Gli esperimenti più rilevanti di quest’anno, “Les Sarabandistes” Prima Edizione, le nostre Matinées domenicali, il convegno su Claudio Monteverdi mettono in moto le nostre riflessioni e la nostra fantasia.
In tanta varietà di proposte culturali, c’è molto ancora da migliorare e molto di cui essere già fieri.
Tuttavia, un’unica parola d’ordine sospinge le vele della nostra caravella verso nuovi mondi da costruire: RADICI, da affondare nel territorio cittadino che solo può essere la nostra linfa vitale.
“Les Sarabandistes 2018” è già in cantiere, altri eventi culturali sono allo studio del nostro consiglio direttivo, l’apertura delle “Matinées” alle candidature dei salotti cittadini e dell’hinterland milanese è un’altra frontiera che attende solo di essere valicata.

Pianoforte Bill

Pianoforte Bill

Nel frattempo, con questi sogni non più nel cassetto ma già sul tavolo della scrivania, abbiamo pensato a come potervi offrire un simpatico arrivederci all’insegna della leggerezza e di quell’animo un po’ bambino che ha sempre da esser coltivato.
E allora, quale migliore cartolina di buone vacanze musicali se non una geniale novella “fatta a macchina” di Gianni Rodari?
In un’intervista realizzata per la RAI nei lontani anni ’70 il grande scrittore, poeta, pedagogo e giornalista spiegava serenamente che, in un mondo in cui gli adulti coltivano sempre meno la dimensione della fantasia e del gioco con gli oggetti e i pensieri, in un mondo in cui ormai gli adulti non raccontano o non leggono quasi più le favole ai propri bambini tutte le sere, sono appunto solo gli adulti a smenarci per davvero: “il bambino trova sempre il modo di usare la propria immaginazione.”

Qui gli stralci dell’intervista se siete incuriositi:

Intervista RAI a Gianni Rodari

Clicca per visualizzare l’intervista a Gianni Rodari

Dunque, ecco a voi, dalla penna, anzi dalla macchina da scrivere del maestro, per esaltare il potere della musica in una bizzarra e surreale cornice western all’italiana

Pianoforte Bill e il mistero degli spaventapasseri

Buona lettura e buona estate da PalinSesto! Arrivederci a settembre!

Antonio Panzera

Linea di divisione

E se siete curiosi di scoprire e ascoltare le tante citazioni musicali che compaiono nel testo di Rodari, ecco a voi dove trovarle!

Canzone della Volpe - Béla Bartók

Canzone della Volpe di Béla Bartók

Variazioni su un valzer di Diabelli Op. 120 - L. van Beethoven

Variazioni su un valzer di Diabelli Op. 120 di L. van Beethoven

Mazurka, Op. 7 No. 1 - F. Chopin

Mazurka, Op. 7 No. 1 di F. Chopin

Waldszenen - R. Schumann

Scene del bosco di R. Schumann

Variazioni Goldberg BWV 988 - J.S. Bach

Variazioni Goldberg BWV 988 di J.S. Bach

Lensky's Aria - Pëtr Il'ič Čajkovskij

Lensky’s Aria di Pëtr Il’ič Čajkovskij

Sonata In F Minor L118 - D. Scarlatti

Sonata In F Minor L118 di D. Scarlatti

Arte della fuga - J.S. Bach

Arte della fuga di J.S. Bach

Ave Maria - F. Schubert

Ave Maria di F. Schubert